fbpx

La scomparsa del Prof. Margiotta. Il ricordo del Prof. Augenti

IN  MEMORIA  DI  UMBERTO  MARGIOTTA
Antonio N.Augenti

Se, come da molti viene riconosciuto, la cultura è da considerarsi un bene pubblico e meritorio; se la cultura ha peso insostituibile e risolutivo anche nei processi educativi, la memoria che dedichiamo ad Umberto Margiotta, scomparso imprevedibilmente nell’agosto di questo 2019, non può che ricondursi alla fiducia che Egli riponeva nel valore della ricerca, della speculazione, della riflessione mai pessimista: base per argomentare sui temi dell’educazione, non soltanto in chiave storica, ma anche e soprattutto nella prospettiva delle ricorrenti novità che ne rappresentano la sfida.

Uomo di ricca e approfondita cultura, Umberto, ma con capacità di tradurre in operatività e organizzazione sul terreno della formazione i valori fondanti di un credo pedagogico aperto al confronto,al dubbio, mai  costretto in recinti.

Gli sono venuti, come sappiamo, molti e meritati riconoscimenti non soltanto a livello nazionale, ma anche sul piano internazionale. L’Accademia, le Istituzioni di ricerca, le Organizzazioni internazionali, le Università e le Scuole di formazione di altri paesi e del nostro  lo hanno ospitato riponendo fiducia alta nella sua preparazione e nelle sue capacità.

Merita di essere citata la sua frequentazione con Gadamer, del quale è stato allievo presso alcune Università tedesche, e la sua vasta produzione scientifica, frutto di studi condotti in particolare sui temi della Bildung e delle Scienze della formazione.

Non intendo, però, intrattenermi sui numerosi e importanti incarichi affidatigli e sui tratti della sua formazione o sulle responsabilità avute nel settore della preparazione del personale educativo e scolastico; né voglio sottolineare alcuni particolari e significativi aspetti dei suoi studi di comparatistica. Informazioni compiute si possono guadagnare, se non già note, attraverso le diverse fonti di cui disponiamo e attraverso la ricchissima bibliografia, a testimonianza e documentazione dell’impegno speso da Umberto nel corso della sua vita professionale. 

Ciò che sento di dover condividere con quanti lo hanno conosciuto, frequentato e stimato è la storia di un’amicizia. Per le responsabilità e i lavori che mi hanno coinvolto nel settore dell’educazione e della formazione, ho avuto modo di fare un cammino in comune con molte importanti figure  che hanno onorato, con la loro cultura  e la loro professionalità nel campo dell’educazione e delle scienze della formazione, il nostro Paese. Devo dire che Umberto Margiotta , tra queste figure, si è distinto anche per le doti umane, di generosità,di lealtà e di rispetto nei confronti delle Istituzioni e di chi le rappresentava.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*